“Strane procedure per aprire una partita iva a Vittoria”

agenzia-entrate.jpg

“Da quando abbiamo aperto la sede della Federconsumatori a Vittoria, ci sono pervenute diverse segnalazioni da parte di contribuenti indispettiti dal comportamento dei funzionari dell’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate della nostra città. In particolare, le lagnanze riguardano il fatto che, in molti casi i funzionari dell’ufficio ipparino si rifiutano di eseguire le operazioni richieste dai contribuenti, adducendo giustificazioni ina​ccettabili” inizia così la nota diramata da Federconsumatori di Vittoria e firmata dall’avv. Sandro Alfieri.

“L’ultimo caso – spiega Alfieri – riguarda un libero professionista che, recatosi all’ufficio con l’apposito modello compilato per aprire la Partita Iva, è stato rispedito a casa poiché, a detta del Direttore, tale servizio sarebbe riservato ai soli agricoltori, mentre per gli altri sarebbe necessario recarsi da un professionista (quindi a pagamento) ed utilizzare l’inoltro telematico”.

“Precisato che il regolamento presente sul sito dell’Agenzia delle Entrate statuisce che il modello per l’apertura della Partita iva può essere spedito tramite raccomandata o consegnato a mani presso qualsiasi ufficio dell’AdE – aggiunge l’avv. Alfieri – abbiamo contattato la Direzione provinciale di Ragusa che ha smentito categoricamente la tesi fantasiosa dei colleghi di Vittoria e ha invitato il contribuente a recarsi a Ragusa per procedere all’apertura della partita Iva. Recatosi a Ragusa, il giovane professionista ha pertanto ottenuto il servizio richiesto in pochi minuti e senza alcun costo, ricevendo la solidarietà dei funzionari dell’ufficio ragusano per lo spiacevole inconveniente”.

Alla luce di tale situazione Federconsumatori Vittoria trasmetterà nelle prossime ore un esposto alla sede nazionale dell’Agenzia delle Entrate e al Ministero dell’Economia sulla bizzarra vicenda.

Condividi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *