“Finalmente riabilitazione neuromotoria al Busacca dopo 2 anni di lavoro istituzionale”

venera-padua.jpg

La senatrice Padua esprime grande soddisfazione per la comunicazione arrivata dai vertici dell’Asp 7 di Ragusa in cui si annuncia che è stato completato il tormentato percorso per la riabilitazione neuromotoria a Scicli.

“Finalmente una buona notizia – sottolinea la senatrice Padua – dopo che, da oltre due anni, mi adopero con l’obiettivo di riuscire a ottenere delle risposte positive su una struttura che servirà a riqualificare le prestazioni sanitarie presenti sul territorio. Posso senz’altro dire che è stato un percorso tutto in salita. Ma ora, tutto ciò è dimenticato perché, finalmente, è stata mantenuta quella che era una promessa rivolta a tutta la comunità. L’auspicio è che, da questo momento in poi, il Busacca possa invertire la tendenza e tramutarsi davvero in un ospedale al servizio dell’intero comprensorio”.

La senatrice, poi, punta l’attenzione su un altro aspetto. “Non dimentichiamo – aggiunge – che, facendo riferimento ai nuovi Lea (Livelli essenziali di assistenza), il Busacca ha tutte le carte in regola per potere essere utilizzato anche come centro di riferimento provinciale per la diagnosi precoce e la terapia abilitativa per i soggetti affetti da spettro autistico. Insomma, si annuncia una offerta di riabilitazione ed abilitazione che può rilanciare le sorti dell’ospedale sciclitano”.

“Ringraziamo – aggiunge – i vertici dell’azienda sanitaria provinciale e quelli dell’Irccs Bonino Pulejo di Messina per essere riusciti a garantire la quadratura del cerchio. Occorre ringraziare in maniera sentita anche l’assessore regionale Baldo Gucciardi e il Governo nazionale a cui, a più riprese, mi sono rivolta per fare in modo che l’iter in questione potesse trovare adeguata applicazione. Colgo altresì l’occasione per ricordare a tutti che la comunità di Scicli attende con ansia l’attivazione di un servizio di fondamentale importanza, quello dell’ambulanza medicalizzata, come da tempo da me auspicato”.

Condividi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *