Depotenziamento dell’ospedale di Modica: la politica locale si faccia sentire

ospedale-modica.jpg

“Periodicamente circola sui mass media e sui principali social network la notizia di un ridimensionamento dei presidi sanitari di Modica e Scicli a vantaggio di qualche altra struttura iblea così come le relative smentite da parte degli addetti ai lavori”: così si legge in una nota stampa del Partito Democratico di Modica.

“Si ha l’impressione che si voglia fare una sorta di prova generale di provvedimento e testare gli umori dei cittadini e dei loro rappresentanti. Adesso è di stretta attualità la notizia di un depotenziamento dell’ospedale maggiore di Modica e del Busacca di Scicli a favore delle strutture di Comiso e Vittoria oltre che, come prassi vuole, di Ragusa”.

“Non vi sono riscontri normativi certi e definitivi sui quali poggiare la richiesta di sfiducia del governo Crocetta e di ritiro a vita privata dei parlamentari regionali iblei di qualsiasi colore politico essi siano e anzi, l’insistenza di queste semplici voci di corridoio deve essere un pungolo nei confronti della delegazione regionale iblea e di chiunque si occupi di politica perché vigili attentamente sul riordino del servizio sanitario sui nostri territori”, continua il Pd modicano.

“La posizione del Pd di Modica è sempre stata chiara sull’argomento: non coltiviamo una visione campanilista della vicenda e quindi aprioristicamente contraria a un riordino del servizio che veda diminuire di qualche posto letto l’ospedale di Modica ma siamo invece favorevoli a una ripartizione dei servizi sul territorio ibleo che garantisca una maggiore efficienza e un miglior livello qualitativo degli stessi non trascurando, tuttavia, le esigenze del bacino di utenza cui si rivolge ogni struttura.

L’ospedale di Modica, è bene ricordarlo, è al servizio dei cittadini dei comuni del comprensorio orientale ibleo e di alcuni comuni della provincia di Siracusa e pertanto un suo depotenziamento non è per niente pensabile.

Appare opportuno che la classe politica locale faccia sentire decisa la propria voce e invitiamo quindi il presidente del consiglio comunale a convocare un consiglio finalizzato all’approvazione di un ordine del giorno da condividere con gli altri comuni del circondario perché si faccia definitivamente chiarezza sulla vicenda”.

Condividi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *